domenica 1 – sabato 7 dicembre

“Riario, chi era costui?” Nella settimana appena trascorsa se lo sono chiesti in molti. Più di 200mila, per la precisione. E Google, insieme alla tivù, ha svelato il mistero: Girolamo Riario (Savona 1443 – Forlì 1488), fu uno degli organizzatori della Congiura dei Pazzi (1478) che mirava ad assassinare Lorenzo e Giuliano de’ Medici. E i Medici, per l’appunto, sono i protagonisti della serie televisiva che tiene avvinti gli italiani in queste settimane. Svelato l’arcano. Che non è l’unico, a giudicare dai risultati della hit parade settimanale. Ancora più di 200mila sono stati i clic per sapere qualcosa del Mes, il Meccanismo europeo di stabilità, al centro delle polemiche politiche. E si può star certi che numerosi, fra quei duecentomila, siano stati anche i politici, fino a lunedì non troppo documentati in materia.

Per il resto, sono state come al solito le partite di calcio l’oggetto del desiderio, neppure troppo oscuro, degli italiani. Anche se non l’unico. Nella settimana della prima della Scala, Tosca ha totalizzato più di duecentomila contatti: un risultato neppure tanto scontato, se ci si pensa. E, a elevare ulteriormente il livello della curiosità, è stata l’Immacolata concezione: un dogma mariano, che sabato ha attratto l’attenzione di più di 200mila frequentatori della Rete.

A riportare l’asticella a livelli più terreni, le confessioni di Ilaria D’Amico a Verissimo, a proposito del suo rapporto amoroso con Gigi Buffon. “Gigi è una persona trasparente – ha rivelato Ilaria – con un cuore grande come questo studio, mi ha riempito d’amore e aveva bisogno di essere amato e capito. Non perché i compagni che avevamo prima non ci capissero, ma nelle coppie succede che ci si incastri o meno”. Parole che hanno suscitato – su Google – l’interesse di più di 50mila italiani, che hanno sentito l’irrefrenabile esigenza di approfondire sui social ciò che avevano sentito in tivù.

Fonte dei dati: Google Trends (https://www.google.com/trends)