domenica 9 – sabato 15 febbraio

“Non guarite oltre il giusto. Le persone troppo guarite sono persone noiose. Sono tutti un po’ pazzi. Vi chiedo: vivete l’immaginazione, perché è la nostra realtà più profonda. Per fortuna non ho mai vissuto con persone sagge. Bisogna stupirsi, indignarsi e contagiarsi, solo allora è possibile cambiare la realtà…”. Parole di Nise da Silveira, psichiatra nata 115 anni fa, che disse no agli elettroshock come cura per la schizofrenia e alla lobotomia, pioniera della pet terapy. Parole che più di due milioni di persone hanno scoperto probabilmente per la prima volta navigando in Rete e soffermandosi sul doodle di Google.

Fonte dei dati: Google Trends (https://www.google.com/trends)

Naturalmente, non solo lei ha superato nella scorsa settimana l’asticella dei due milioni di frequentatori. Il record è stato condiviso innanzitutto dalla voce “Sanremo 2020” che, sempre domenica scorsa, è stato accompagnato da più di 500mila ricerche alla voce “Chi ha vinto Sanremo 2020” e da più di un milione di click su “Achille Lauro”. L’onda lunga di Sanremo si è poi spenta, almeno in Rete, da lunedì.

Altro record da più di 2 milioni, venerdì 14, la voce “San Valentino festa”, cui hanno fatto seguito un milione e 200mila il giorno successivo per “San Valentino”. Com’è naturale, il calcio ha fatto la sua parte, con due partire di cartello: Inter-Napoli mercoledì 12 e Milan-Juventus giovedì, entrambe sopra i 2 milioni di ricerche.

Una volta tanto, nella hit parade è entrata la politica, ma solo per registrare un discreto interesse (più di centomila click sul nome “Salvini”), mercoledì 12, per il voto del Senato a favore del processo all’ex ministro dell’Interno. In settimana un’altra finestra si è aperta sull’attualità politico sindacale. Martedì 11, infatti, più di 200mila persone si sono riversate in Rete per informarsi sul fallimento della compagnia aerea Air Italy: quasi un record per un Paese che, visto dall’osservatorio di Google trends, pare appassionarsi quasi esclusivamente alle vicende di calcio e delle tv commerciali.