domenica 5 – sabato 11 aprile

Per la prima volta dopo parecchio tempo, compaiono nella hit parade settimanale i nomi di due politici. Uno, è quasi scontato, è quello del presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Il quale tiene banco fin da domenica 5 aprile, con 200mila ricerche in Rete, per poi superare i 2 milioni di click mercoledì 8, in corrispondenza con la clamorosa conferenza stampa in cui oltre ad annunciare l’aggiornamento delle misure antivirus ha aperto una inedita (per la forma, piuttosto esplicita) polemica con in due leader dell’opposizione. E’ a questa polemica che si deve, giovedì 9, il mezzo milione di ricerche su “Salvini”, mentre non si ha traccia di ricerche a proposito di Giorgia Meloni, pure chiamata pesantemente in causa dal premier.

Fonte dei dati: Google Trends (https://www.google.com/trends)

Sempre mercoledì 8, e sempre per l’intervento televisivo di Conte, si registra un alto interesse per “Mes” e “Mes significato”, segno che il popolo della Rete, quando c’è materia, si interessa alle vicende della politica. Anche in una stagione difficile come questa. D’altra parte, la fame di rassicurazioni, soprattutto sul piano economico, è decisamente alta.

Come nelle settimane passate, l’occhio dei navigatori della Rete pare conquistato dalla luna, che in questa settimana ha dato gran spettacolo. E infatti domenica scorsa si sono avuti più di centomila click su “Luna piena aprile 2020”, seguiti da altrettante ricerche lunedì 6 a proposito di “Luna”.

Affollato il tema pasquale. Si va da “Giovedì santo” (martedì 7, centomila click), a “Via Crucis 2020 Papa Francesco” (mercoledì 8, 200mila), “Via Crucis” (mercoledì, centomila), con un picco da 3 milioni, giovedì 9 per “Buona Pasqua” e da mezzo milione per “Pasqua”. Sabato, infine, un milione di ricerche si sono concentrate su “Auguri di Pasqua 2020” e da 50mila su “La passione di Cristo”. I più anglofoni (anticipati da centomila, venerdì, per “Happy easter”) sabato si sono concentrati in ventimila sulla voce “Easter”. Tanti click quanti ne hanno ottenuti, nella stessa giornata, le voci “Pasqua 2019” (una pattuglia di ritardatari, forse) e “Gina Lollobrigida”. Intramontabile.